Five Men, le partite più difficili.

di redazione di NoiNo.org


Five Men, le partite più difficili.

Il desiderio e la frustrazione; la gelosia che diventa ossessione; l'arrivo di un figlio; l'insicurezza economica; la fine di un matrimonio. Sono le sfide che si trovano ad affrontare Davide, Nicola, Riccardo, Massimo e Paolo: cinque uomini, cinque "amici del calcetto", diversi per età e ruolo sociale, uniti dalla comune passione per le "partitelle". Fuori dal campo si trovano di fronte alla crisi dei ruoli che, da uomini, sono abituati a giocare nella vita. E arrivano pericolosamente vicino a fare scelte sbagliate. Ma il confronto con gli altri permette ai compagni di squadra di affrontare i problemi senza avvitarsi nella spirale della violenza. Perché anche il dialogo, l'ammissione di errori e debolezze, sono #cosedauomini. 

Questa è l'idea di base della web serie "Five Men", il progetto sul contrasto alla violenza di genere finanziato dalla Commissione Europea e promosso dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, in collaborazione con l'’Associazione D.i.Re. - Donne in Rete contro la violenza, l'associazione Maschile Plurale, l'’Istituto per la Ricerca Sociale (IRS) e il Dipartimento per l'’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri (tutte le informazioni su www.cosedauomini.eu). Questa fiction on line è pensata soprattutto come strumento per le scuole, ma crediamo possa interessare anche a chi aderisce a NoiNo.org. Perché le premesse di Five Men, cioè affrontare il problema mettendo in primo piano le responsabilità degli uomini e scegliendo un punto di vista maschile, sono le stesse che NoiNo.org sviluppa da tre anni. E forse alcuni di voi hanno sentito parlare degli "uomini contro la violenza sulle donne" per la prima volta proprio su un campo di calcio, grazie ai ragazzi che hanno scelto di giocare con i nostri colori (due di queste squadre curiosamente si chiamano Hic Sunt Leones, anche se sono una a Bologna e una a Bolzano: nella foto vedete proprio i ragazzi trentini). Insomma, i punti di contatto ci sono, per questo vi proponiamo di vedere gli episodi e di dire la vostra con un commento. Che ne dite? 
 
Il punto non è tanto discutere sulla riuscita della web-fiction in quanto tale, ma di usarla come punto di partenza per una riflessione personale e un dialogo con la community NoiNo.org sulle questioni affrontate nelle varie puntate. È un po' quello che alcuni di noi hanno fatto dal vivo a Bologna e a Parma, nel corso di due degli infoday organizzati per presentare il progetto in varie città d'Italia (l'elenco completo lo trovate in www.direcontrolaviolenza.it)

Nel corso di uno di questi incontri, ad esempio, Sandro Casanova (Maschile Plurale) si è soffermato sull'episodio 2 ("In porta"), lo stesso che vedete in questo post. Perso il lavoro, Nicola si occupa di casa e figli, costretto a scambiarsi di ruolo con la moglie - e non la prende affatto bene. Il ruolo di breadwinner, l'uomo "che porta il pane a casa" , è un modello maschile così radicato che - quando cade - può mettere in crisi anche chi si riteneva più vaccinato dagli stereotipi di genere. Come se l'obbligo a incarnare un modello di "virilità fisica" fosse stata sostituito da quello di "prestanza economica": rimanerne privo è particolarmente umiliante per chi non ha mai dovuto fare compromessi tra lavoro di cura e lavoro retribuito. Voi che ne pensate?

Per Anna Maria Zucca di D.i.Re. il problema è il personaggio della moglie di Nicola, troppo stereotipata come tutte le figure femminili della serie: rappresenterebbe la "figurina" della "Donna carina e in carriera che non si occupa affatto dei figli e della casa, la classica uoma".
Addirittura, secondo Zucca, questo difetto di credibilità e alcuni passaggi "critici" in altri episodi renderebbero necessaria una visione guidata, come quella che avviene nelle scuole. A noi sembra una preoccupazione eccessiva, e crediamo che sia sufficiente il confronto con chi vede gli episodi. E voi? Se la storia di Nicola vi sembra uno spunto interessante, possiamo "vedere insieme" anche gli altri episodi di Five Men. 

Foto © Roberto Gasperetti: alcuni giocatori della squadra Hic Sunt Leones di Bolzano.



0 Commenti


nessun commento per questo post


lascia un commento