Diventare uomini senza violenza: al via i nuovi laboratori formativi.

di redazione di NoiNo.org

Diventare uomini senza violenza: al via i nuovi laboratori formativi.

Venerdì 25 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne e a Bologna, così come in tutta Italia, sono moltissime le iniziative di sensibilizzazione, approfondimento, divulgazione sul tema della violenza maschile contro le  donne.

Noi abbiamo scelto questa data per lanciare il nostro nuovo progetto, NoiNo.org Lab. Diventare uomini senza violenza: un percorso laboratoriale, curato dalla rete Attraverso lo specchio, che coinvolgerà nei prossimi mesi ragazze, ragazzi e adulti in diversi luoghi del territorio metropolitano di Bologna. Attraverso le metodologie formative non frontali, esperienziali e partecipative che caratterizzano l'educazione alle differenze, le diverse associazioni che compongono la rete Attraverso lo Specchio coinvolgeranno studenti, adolescenti ed adulti in 3 cicli di laboratori interattivi, che si svolgeranno in occasione delle date simboliche del 25 novembre, del 14 febbraio, data della campagna internazionale One Billion Rising, e dell'8 marzo, ricorrenza della Giornata Internazionale della Donna.

13 incontri complessivi per discutere di immaginari della maschilità, violenza tra adolescenti, stereotipi di genere, bullismo omofobico, comunicazione non stereotipata. L'obiettivo è quello di decostruire insieme ai ragazzi i presupposti culturali da cui nasce la violenza nelle relazioni, fornendo strumenti di riconoscimento della violenza all'interno della propria quotidianità, a partire dalla critica di un'idea di amore, ancora troppo diffusa, fondata sul possesso e sul controllo. Oltre al lavoro diretto realizzato con i ragazzi e le ragazze, un altro grande obiettivo è rafforzare e diffondere questo approccio educativo attraverso la formazione di adulti impegnati professionalmente in prima persona, come insegnanti, formatori, educatori, in processi formativi con giovani generazioni, in contesti scolastici o extrascolastici.

NoiNo.org Lab inaugura proprio nella giornata del 25 Novembre con due attività in parallelo: il laboratorio di peer education, condotto dalle operatrici della Casa delle Donne per non subire violenza di Bologna e promosso all'interno del Festival La violenza illustrata, che coinvolgerà studenti e studentesse italiane e straniere delle terze classi della scuola secondaria di primo grado “Pellegrino Matteucci” di Granarolo dell’Emilia, e la prima puntata del laboratorio condotto da Il Progetto Alice, Comunicattive e Studio Talpa presso l'Istituto professionale statale grafico pubblicitario “Aldrovandi Rubbiani” di Bologna (che proseguirà il 2 dicembre con un secondo step creativo per la produzione di materiale grafico da parte degli studenti). Sempre a Bologna martedì 29 novembre l'associazione Armonie e Maschile Plurale propongono un laboratorio per ragazzi e e ragazze presso il “Centro Anni Verdi - Quartiere Savena” a  Bologna, mentre è rivolto agli adulti l'ultimo appuntamento del ciclo, giovedì 1 dicembre alle 16 con il laboratorio-visita guidata organizzato dall'Associazione SOS Donna presso il Centro Ex Moduli di Calderino - Monte San Pietro, in occasione dell'allestimento della mostra “…E' VIOLENZA Documenti e testimonianze sulla violenza di genere”.



2 Commenti


vittorio sanguineti 64enne genovese 3486013313
25/11/2016

Avendo scritto due saggi su maschilite e manifesto di liberazione delle donne da convinto femminista confermo che la violenza sulle donne e\\\' un problema culturale di malaeducazione che ha radici profonde fino ad arrivare alla biblica costola e mancata volutamente educazione sessuale nelle scuole che ha portato alla creazione di due sottospecie umane dell\\\'homo sapiens: homo fallicus e donna uterina con risultati catastrofici e drammatici nelle relazioni di coppia,famiglie e societ?. Ad maiora!


Richie
18/11/2016

gli immaginari della maschilità e della femminilità sono più complessi e èlurali di quanto si pensi, sopratutto oggi


lascia un commento