Parte il crowdfunding per la Trilogia dell'Amorte.

di Francesco Olivieri


Parte il crowdfunding per la Trilogia dell'Amorte.

L'autore e regista Francesco Olivieri ci ha già raccontato come nasce la Trilogia dell'AmorTe, raccolta di monologhi dedicata alle vittime e agli autori della violenza contro le donne. Ora Francesco sta lavorando per metterla in scena in molte città d'Italia nello stesso momento: un ambizioso progetto di "contemporanea" teatrale, che per realizzarsi ha bisogno di un sostegno concreto. Volete dare voce e corpo a Mimì, Ipazia e ai tanti altri personaggi della Trilogia? Potete contribuire con una donazione sul sito di crowdfunding ProduzioniDalBasso.com. Francesco spiega perché, come e dove farlo. 


Contro la violenza sulle donne. Ci sostieni anche tu?
di Francesco Olivieri

Il 25 novembre è la Giornata Internazionale Contro La Violenza Sulle Donne. Per questo motivo sto organizzando una contemporanea teatrale che vedrà coinvolti penitenziari, centri antiviolenza e teatri di diverse città italiane. Con il sostegno morale di NoiNo.org, uomini contro la violenza sulle donne, di BeFree, Cooperativa contro la tratta, le violenze e le discriminazioni, e della direttrice e fondatrice della rete Centri Antiviolenza in Sicilia Raffaella Mauceri, ho scritto tre monologhi contro il femminicidio, dal titolo "La Trilogia dell'AmorTe". Grazie al supporto di attrici e attori professionisti, delle istituzioni e degli operatori sociali, al momento hanno aderito penitenziari, centri antiviolenza e teatri di circa 20 città italiane.

Perché il crowdfounding? Perché credo fortemente nel nuovo modo, assolutamente libero da ogni forma politica e profondamente democratico, di produrre un evento così complesso e necessario. I soldi che verranno raccolti saranno usati per pagare tutti i professionisti che hanno dato la loro disponibilità a leggere, interpretando, i miei testi teatrali. Una piccola donazione fatta da tante persone può veramente dare la possibilità di realizzare questo progetto sociale. Ho scelto volutamente come spazi per il progetto le carceri e i centri antiviolenza, e solo successivamente i teatri. Perché combattere contro ogni forma di violenza è un nostro dovere, e farlo laddove ci sono persone che scontano una pena per questo, e laddove ci sono donne che hanno subito violenza e hanno paura di affrontare una vita "normale", credo che siano i luoghi migliori dove poter far nascere un germoglio. Quel germoglio che abbatte i muri delle colpe e dei buoni e cattivi, ma che attraverso l’ascolto, il dialogo e appunto progetti come la Trilogia dell'AmorTe, può smuovere la coscienza di molti uomini. Credo fortemente che vorrete aiutarmi a realizzare questa contemporanea nazionale teatrale, e spero che sarete anche presenti, in mezzo al pubblico, il 25 novembre prossimo. Vi ringrazio sin d'ora del tempo dedicatomi e della vostra generosità.

A nome di tutte/i quelle/i che lottano ogni giorno contro la violenza sulle donne e di genere, un grazie sincero e un abbraccio.

Francesco Olivieri

Ad oggi ecco le realtà coinvolte sono:

TRIESTE, CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE

MILANO, OPERA CARCERE, OPERALIQUIDA TEATRO

SAN GIOVANNI IN MARIGNANO, COMPAGNIA TEATRO CINQUEQUATTRINI, TEATRO MASSARI

CASSINO, CARCERE, ASSOCIAZIONE TUTTO UN ALTRO GENERE

ROMA, BEFREE CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE

ROMA, BEFREE CENTRO ANTIVIOLENZA DEL COMUNE DI ROMA VIA DI TORRESPACCATA 157

ROMA, BEFREE SERVIZIO SOS DONNA DEL COMUNE DI ROMA VIA GROTTAPERFETTA 610

FROSINONE, CARCERE

NAPOLI, TEATRO

BARI, TEATRO

SENIGALLIA, TEATRO NUOVO MELOGRANO

VASTO, CENTRO ANTIVIOLENZA

PERUGIA, CARCERE, ASSOCIAZIONE MARGOT E COMPAGNIA DEGLI GNOMI

AGRIGENTO, OPENSPACETHEATRE

SIRACUSA, CARCERE

RAGUSA, COMPAGNIA G.O.D.O.T. TEATRO

MARSALA, TEATRO

BIANCAVILLA (CT), CENTRO ANTIVIOLENZA E ANTISTALKING CALIPSO

PALERMO, CARCERE E TEATRO

VOLTERRA, CARCERE

VERONA, TEATRO



0 Commenti


nessun commento per questo post


lascia un commento




Comunicazione: Studio Talpa | Comunicattive